Calcio

Calcio femminile / Serie A: derby fratricida a Verona, in palio la salvezza

Fonte: Hellas Verona

ChievoVerona Valpo ed Hellas Verona Women, nella penultima giornata del campionato di Serie A di calcio femminile, si giocano una grossa fetta di salvezza. Per entrambe le compagini quello di oggi è un derby assolutamente da non sbagliare. La formazione clivense di mister Emiliano Bonazzoli si presenta all’appuntamento in leggero vantaggio, in virtù del punto in più in classifica, ma, complice un Bari che sta continuando a scalare gerarchie, nessuna delle due contendenti può scendere in campo pensando di giocare per il pareggio. Di seguito le parole delle due avversarie Valentina BoniJulia Molin,
Le parole del capitano clivense Valentina Boni.

Cocos il difensore del Verona Julia Molin: “Che emozioni ci sono in vista del derby? È la partita più importante della nostra stagione, ci stiamo preparando con grande intensità e concentrazione. È stata una settimana un po’ diversa perché sentiamo l’importanza di questa gara e vogliamo essere pronte per dare tutto. Quali sono le sensazioni della squadra? Non dobbiamo essere impaurite. Per molte di noi sarà la partita più importante della carriera, ma vogliamo giocarla per le nostre famiglie, per questa maglia, per l’Hellas Verona, per i nostri tifosi, per le allenatrici e lo staff: siamo entusiaste di giocare questa partita e non dobbiamo avere paura, ma convinte e aggressive».

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare