Federica Cesarini, giovane azzurra della nazionale di canottaggio, è serena dopo lo slittamento di un anno dei Giochi Olimpici di Tokyo, per i quali ha qualificato, in coppia con Valentina Rodini (Fiamme Gialle), il doppio Pesi Leggeri femminile italiano.
Avrò un anno in più per prepararmi, sono pronta e determinata per trasformare questa situazione in una occasione!” ha detto al sito della Federazione.
La giovane, nativa di Cittiglio, plasmata alla Canottieri Gavirate dal bronzo olimpico di Sydney 2000 in doppio Giovanni Calabrese è oggi sotto la guida tecnica di un altro medagliato di quei Giochi quale Valter Molea.
Federica Cesarini ha sempre trasformato ogni situazione in una nuova occasione, dalla prima medaglia iridata, vinta addirittura da timoniera nel 2012 alla guida dell’otto Junior femminile che chiuse il Mondiale di categoria al terzo posto, al suo più grande successo strettamente personale, il titolo europeo nel singolo pielle femminile conquistato lo scorso anno a Lucerna.
Nel mezzo anche il titolo mondiale assoluto nel quattro di coppia leggero femminile a Sarasota nel 2017, una vittoria storica per il canottaggio femminile, fino ad arrivare alla vittoria in finale B ai Mondiali dello scorso anno con Valentina Rodini sul doppio Pesi Leggeri femminile, piazzamento che è valso il pass per Tokyo 2020NE.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!