Carolina Morace scende in campo in merito all’ipotesi del taglio degli stipendi a causa dell’emergenza legata al coronavirus he ha costretto tutti i campionati a fermarsi.La Juventus ha già fatto sapere che sta pensando a questa soluzione per ovviare al lungo stop.
Morale non ci sta e spiega così il suo punto di vista: “Le ragazze vivono di quei soldi, non è che li mettono da parte e non si può parlare nel loro caso neanche di semiprofessionismo perché non stanno accumulando la pensione. Ok i tre anni di contributi dallo Stato, ma la pensione loro non l’avranno mai. Il calcio femminile non genera soldilo sappiamo ed è logico. Le ragazze vivono di quel che guadagnano e basta. Il loro è un discorso simile a quello di molti calciatori di Serie C“.
Sulla stessa lunghezza d’onda di Carolina Morace anche il tecnico del Milan Maurizio Ganz intervistato dal Corriere della Sera. “Gli stipendi delle calciatrici non sono paragonabili a quelli dei calciatori. Nelle categorie professionistiche sarebbe un provvedimento sensato, ma nel mondo dilettantistico sarebbe troppo pesante”.
Ancora nessuna certezza invece per quel che riguarda l’eventuale ripresa dei campionati. Ad oggi ci sono sul tavolo alcune proposte ma niente di definitivo.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!