Dopo la sconfitta contro il Cuneo per 2 a 1 in un’importantissima sfida salvezza, il Chieti resta a 11 punti in classifica. Da chieticalciofemminile.com le parole dei protagonisti.

Giulia Di Camillo spiega: “È una sconfitta inaspettata che fa male perché abbiamo lottato dal primo all’ultimo minuto. Ci siamo allenate tutta la settimana con tanta determinazione, abbiamo avuto il sostegno di un grande pubblico che ha cercato di vincere con noi. Gli applausi alla fine hanno fatto tanto piacere e voglio ringraziare tutti: sono convinta che insieme noi e la città di Chieti arriveremo all’obiettivo. Con il Cuneo era una partita fondamentale perché vincendo ci saremmo messe meglio per la salvezza. La sconfitta è stata immeritata, il risultato non rispecchia realmente la partita, ma il campo comanda e dice che abbiamo perso. Ora guardiamo avanti perché abbiamo ancora tante possibilità di salvarci ed essere anche il prossimo anno in questo campionato che finora mi sta piacendo molto visto che è una grandissima avventura nonostante le tante difficoltà. Non mi piace giudicare gli arbitri perché fanno il loro lavoro, tutti poi possono sbagliare, ma ci sono troppe disattenzioni e questo non fa bene al calcio. Dopo aver preso il gol dopo pochi secondi ho pensato ad una maledizione, però guardando il tutto con più razionalità credo che dovessimo stare molto più attente, ci siamo messe male purtroppo e dovevamo assolutamente evitarlo. Abbiamo alzato la testa subito iniziando a giocare, avevamo anche riequilibrato il risultato, ma purtroppo siamo andate nuovamente sotto subendo un grande gol che però, a a mio giudizio, potevamo non prendere cercando di non dare tempo a Iannella di guardare la porta e tirare. Ha fatto un gol eccezionale, parliamo di una grande calciatrice, complimenti a lei. Siamo chiamate spesso a reagire in questo periodo, siamo capaci, c’è il tempo per farlo, il Chieti non molla, il Chieti c’è e io sono convinta che ce la faremo a raggiungere la salvezza”.

Queste invece le parole di Evelyn Vicchiarello: “Il gol subito a freddo dopo pochi secondi di partita ti taglia le gambe. C’è stata subito la reazione della squadra, abbiamo avuto occasioni per pareggiare anche se loro ne hanno avute per raddoppiare. La loro seconda rete è stata incredibile: Iannella è stata brava a crederci, noi non l’abbiamo contrastata purtroppo e poi chissà perché contro il Chieti in molte si inventano grandi gol. Nei tre scontri diretti abbiamo purtroppo preso un solo punto, troppo poco, ma il campionato è lungo e potremo recuperare. Giocare in pochi giorni quattro partite non è stato il massimo, venivamo anche da vari infortuni dunque non siamo state certamente favorite. La pausa che arriverà a breve ci permetterà di recuperare alcune ragazze al meglio e magari mettere a posto qualcosa che non va.  Tornando alla partita il colpo di testa di Marinelli parato da Ozimo avrebbe potuto cambiare forse tutto, è un periodo che non ci gira bene. Noi ci mettiamo anche del nostro, le avversarie fanno un tiro e segnano gol incredibili, dobbiamo rimboccarci le maniche e andare avanti. Non dobbiamo guardare troppo la classifica, ci sono ancora tante partite, bisogna fare più punti possibili, anche a Firenze andremo a dire la nostra pur sapendo di avere di fronte una squadra superiore alla nostra”.