Altri sport Ciclismo Due ruote

Ciclismo / Giro Rosa: Trionfo italiano. Borghesi, Quagliotto e Perini sul podio!

Fonte: Federciclismo

Nella quarta tappa del Giro Rosa Iccrea 2019 il podio si tinge d’azzurro. La trentina del Team Aromitalia – Basso Bikes – Vaiano Letizia Borghesi (è di Ville d’Anaunia, in Val di Non) porta a casa la vittoria più grande della sua carriera superando in uno sprint ristretto sul traguardo di Carate Brianza la trevigiana Nadia Quagliotto (Alé – Cipollini) e la milanese Chiara Perini (BePink), autrici della fuga decisiva della giornata.
“E’ il giorno più bello della mia vita – dice Letizia – volevo andare in fuga perché stavo bene. Siamo andate d’accordo inizialmente poi la collaborazione tra noi tre era venuta meno. Ho dato tutto allo sprint e questa vittoria è per la mia famiglia, la squadra e i miei parenti tutti.”
Un podio tutto italiano al Giro Rosa Iccrea non si vedeva dal 2015, quando a Pozzo d’Adda Annalisa Cucinotta battè in volata Marta Bastianelli ed Elena Cecchini. La stessa Bastianelli, attuale campionessa Europea, è stata l’ultima azzurra vincitrice di tappa al Giro, a Polla nel 2017.

(foto Fabiano Ossola)

Marianne Vos vince lo sprint del gruppo a 42”, mentre la Maglia Rosa resta sulle spalle di Katarzyna Niewiadoma.

Giro Rosa 2019, quarta tappa

4° TAPPA

1. Letizia Borghesi
2. Nadia Quagliotto
3. Chiara Perini
4. Marianne Vos
5. Leah Kirchmann
6. Soraya Paladin
7. Annemiek Van Vleuten
8. Ilaria Sanguineti
9. Kelly Van den Steen
10. Rasa Leleivyte

CLASSIFICA GENERALE

1. Katarzyna Niewiadoma 8h07’20”
2. Cecilie Uttrup Ludwig +20”
3. Marianne Vos +25”
4. Alena Amialiusik +40”
5. Omer Shapira +44”
6. Ashleigh Moolman – Pasio +45”
7. Annemiek Van Vleuten +47”
8. Amanda Spratt +52”
9. Lucy Kennedy +59”
10. Anna Van der Breggen +1’04”

LE MAGLIE DEL 30° GIRO ROSA ICCREA DOPO LA 4° TAPPA

Maglia Rosa (GRUPPO BANCARIO ICCREA): Katarzyna Niewiadoma (Canyon – SRAM)
Maglia Ciclamino (SELLE SMP): Marianne Vos (CCC – Liv)
Maglia Verde (EFFEBIQUATTRO): Sofie De Vuyst (Parkhotel Valkenburg)
Maglia Bianca (KRU): Juliette Labous (Team Sunweb)
Maglia Blu (GSG): Elisa Longo Borghini (Trek – Segafredo)

 

Informazioni sull'autore

Stefano Nouvion

Stefano Nouvion

Dopo esserci occupati dell'analisi antropologica di alcune categorie di esseri umani tra cui i gli influencer, gli odiatori seriali sul web e le gnocche che guadagnano soldi su Instagram, oggi faremo una breve ed interessante analisi su un altro archetipo antropologico: il sottoscritto.
Il sottoscritto è un essere nato nel Nord Ovest italico, più precisamente nella striscia di terra chiamata Liguria, ancor più precisamente in quel di Genova, il 13 luglio 1994. Di solito quando si trova in territori al di fuori da queste zone, in particolare in qualsiasi posto a nord dei Giovi, soffre di saudade in forma grave.
Ottenuto il diploma di maturità (mica tanto) scientifica (ancor meno, mi sveglio ancora la notte con la paura dei compiti di trigonometria) nel 2013, il 3 maggio 2019 è riuscito a lasciare quel girone dantesco che è l'università e soprattutto il dipartimento di giurisprudenza.
Sono così malato di ciclismo che, non pago d'averlo praticato a livello giovanile, lancio la volata ogni volta che mi trovo davanti ad un monumento importante. Una volta ho pure provato a fare colpo su una ragazza con un romanticissimo: "Appena ti ho vista ho sentito le farfalle allo stomaco come nella tappa del pavé di Nibali al Tour 2014".

Commenta

Clicca qui per commentare