L’epidemia di Coronavirus mette lo stop al mondo sportivo. Si fermano anche rugby e ciclismo, dopo che ieri si sono fermati calcio e pallavolo.
Il capo della Protezione civile e commissario straordinario all’emergenza, Angelo Borrelli ha annunciato poco fa la quinta vittima in Italia. Sono 219 i contagiati e 5 i deceduti, si è aggiunto da pochissimo un decesso in lombardia, un uomo di 88 anni di Caselle Landi”, ha detto. In tutti i casi si tratta di persone anziane con un quadro clinico generale compromesso in precedenza. Il deceduto a Bergamo era ricoverato da giorni all’ospedale “Papa Giovanni XXII“.
La posizione del Comitato olimpico internazionale sui Giochi in Giappone, nonostante l’emergenza coronavirus, non cambia. I preparativi per le Olimpiadi di Tokyo 2020 continuano come previsto. Le contromisure contro le malattie infettive costituiscono una parte importante dei piani di Tokyo 2020 per ospitare dei Giochi Olimpici sicuri e protetti. Tokyo 2020 continuerà a collaborare con tutte le organizzazioni pertinenti che monitorano attentamente l’incidenza di malattie infettive e rivedrà le contromisure che potrebbero essere necessarie con tutte le organizzazioni pertinenti“.
Inoltre – prosegue il comitato olimpico internazionale -, il Cio è in contatto con l’Organizzazione mondiale della sanità e con i suoi esperti medici. Siamo fiduciosi che le autorià competenti, in particolare in Giappone e Cina, prenderanno tutte le misure necessarie per affrontare la situazione“.
L’epidemia di Coronavirus rischia di influire  anche sul calendario del ciclismo italiano. Mauro Vegni, direttore di Rcs Sport, che organizza la Milano-Sanremo e il Giro d’Italia, parla della prima classica della stagione: ” La data è ancora lontana, ma è chiaro che se il blocco dovesse protrarsi, non esisterebbe un piano B e la Sanremo sarebbe cancellata. Ovviamente la nostra è una preoccupazione rivolta ai concittadini italiani e che va a oltre lo sport. Monitoriamo anche la situazione della Tirreno-Adriatico (11-17 marzo)“, ha detto alla Gazzetta dello Sport.
Per quanto riguarda il Giro d’Italia: “Spero che a maggio tutto sia tornato alla normalità, perché altrimenti vorrebbe dire che saremmo in presenza di un evento eccezionale”.
L’attesa regna anche sul fronte della Stramilano, prevista il 22 marzo. Dall’organizzazione hanno fatto sapere di essere in attesa di una comunicazione da parte del Comune di Milano
Anche il rugby si ferma a causa dell’emergenza Coronavirus. Lo rende noto, con un comunicato apparso sul sito ufficiale, la Federazione. “La Federazione italiana rugby – si legge – facendo seguito alle ordinanze disposte dalle autorità competenti e del Coni, in tema di contenimento dell’emergenza epidemiologica in atto, per il fine settimana del 28 febbraio-1 marzo sospende i campionati nazionali, inclusa tutta l’attività giovanile, ma anche l’attività di raduno delle Nazionali nelle regioni raggiunte dai dispositivi”.
La Federazione Italiana Pallavolo, congiuntamente alle due Leghe di Serie A Maschile e Femminile, ha reso noto di aver deciso di sospendere l’intera attività pallavolistica nazionale a tutti livelli fino al primo marzo compreso.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!